Scegliere il piano cottura – Seconda parte

by riparodasolo 1.121 views0

Scegliere il piano cottura in vetroceramica.

I piani cottura in vetroceramica hanno un aspetto più elegante e prestazioni migliori, possono raggiungere temperature elevate grazie alla resistenza del materiale. Il vantaggio principale di questa tipologia di piani cottura, oltre alla rapidità nella cottura, sta nel fatto che si possono montare ovunque perché non hanno bisogno della conduttura del gas.

Gli svantaggi sono il consumo elettrico e la necessità di utilizzare pentole apposite. Inoltre il piano si scalda molto e anche se viene segnalato visivamente questo è un punto a sfavore.

Di positivo c’è l’assenza della fiamma, la stabilità delle pentole e la facilità nella pulizia, c’è da dire anche che si rompono di rado e il piano è antigraffio.

scegliere il piano cottura

 

Scegliere il piano cottura – Vetroceramica con piastre radianti – Piastre alogene.

Le piastre radianti sono formate da resistenze circolari che scaldandosi trasferiscono il calore alla vetroceramica e di conseguenza alle pentole. Il consumo di queste piastre è più elevato in quanto la dispersione di calore è maggiore.

Le piastre alogene funzionano appunto con potenti luci alogene e questo sistema permette di disperdere meno calore, comunque il principio di funzionamento è lo stesso.

Scegliere il piano cottura – Induzione.

Il piano ad induzione ha un principio di funzionamento completamente diverso, difatti tramite particolari bobine, genera un campo magnetico che scalda la pentola. Anche questi hanno bisogno solo della corrente e possono essere installati praticamente ovunque.

Il piano di lavoro è sempre in vetroceramica ma il calore non viene disperso grazie a questo sistema con bobine. Per farvi un’idea il rendimento di questi piani è del 90%, rispetto ad un 40 – 60% dei piani con piastre alogene o radianti. Se per far bollire una pentola d’acqua con un normale piano in vetroceramica ci mettereste 7/8 minuti, con quello ad induzione ce ne mettereste 3.

Gli svantaggi sono il consumo elettrico ed il prezzo d’acquisto elevati e la necessità di utilizzare pentole apposite.

I lati positivi sono la velocità di cottura, l’assenza di fiamma, il fatto che il piano rimane freddo e non c’è pericolo di scottarsi, la stabilità delle pentole e non ultimo la cottura uniforme.

scegliere il piano cottura

Scegliere il piano cottura – Pentole.

Prima ti parlavo di pentole apposite, per i piani cottura in vetroceramica vanno bene quelle con fondo piatto e opaco, comunque qualsiasi rivenditore saprà indicarti quelle più adatte.

Per i piani ad induzione vanno bene quelle che fanno l’effetto calamita, anche in questo caso basta chiedere.

Spero che questa piccola guida ti sia d’aiuto nello scegliere il piano cottura che più fa al caso tuo.