Scegliere la lavastoviglie

by riparodasolo 4.428 views20

Scegliere la lavastoviglie non è difficile se conosciamo alcuni piccoli dettagli che possono fare la differenza tra un acquisto azzeccato ed uno pessimo.

Scegliere la lavastoviglie – Consumo.

Le lavastoviglie hanno tre lettere che indicano in ordine la classe di consumo, di lavaggio e di asciugatura, quindi quando dobbiamo scegliere la lavastoviglie, la prima cosa da guardare è quella.

Ecco un piccolo elenco dei vari tipi in commercio.

  • A A A – Consumo A – Lavaggio A – Asciugatura A
  • A A B – Consumo A – Lavaggio A – Asciugatura B
  • A B B – Consumo A – Lavaggio B – Asciugatura B
  • B B B – Consumo B – Lavaggio B – Asciugatura B

La tripla classe A è quella che consiglio ed è anche la più diffusa in commercio, alcune hanno un + vicino alla prima A (Classe A+A A) e significa che consumano ancora meno corrente.

Scegliere la lavastoviglie – Quale marca?

La marca migliore non esiste più, adesso ogni produttore fabbrica e vende diversi modelli, un po’ per tutte le tasche ed esigenze, l’unica cosa di cui dobbiamo preoccuparci è di trovare il centro assistenza nella zona di residenza.

Al momento dell’acquisto chiedete al rivenditore se esiste un centro assistenza autorizzato dalla casa costruttrice nelle vicinanze e magari informatevi anche sulla reputazione del centro. Dico questo perché se dovesse capitare una rottura rischiereste di dover aspettare molti giorni prima che un tecnico intervenga.

Scegliere la lavastoviglie – Incasso o libera installazione?

Una delle prime scelte da fare è tra una lavastoviglie a libera installazione o ad incasso, purtroppo non tutti possono scegliere per vari motivi che non sto qui ad elencare. Per chi invece può farlo di seguito elencherò i vantaggi e gli svantaggi di uno o dell’altro tipo.

Scegliere la lavastoviglie ad incasso.

Esteticamente parlando ne esistono due tipi, uno è a scomparsa totale e l’altro è con cruscotto a vista, entrambe hanno un pannello fissato alla porta dello stesso colore della cucina ed entrambe nascono per essere incassate.

Lavastoviglie-incasso

La differenza è che la prima, una volta chiuso lo sportello, non si vede e rimane nascosta all’interno della cucina, mentre l’altra è ben visibile a causa del cruscotto comandi.

A parità di caratteristiche tecniche e di consumo, le lavastoviglie ad incasso sono più costose di quelle a libera installazione. Questo perché hanno bisogno di una progettazione differente e necessitano di alcuni accorgimenti che le rendono adatte a stare incassate dentro ai mobili. Per quanto riguarda i programmi e il consumo elettrico non differiscono per nulla dalle altre.

Scegliere la lavastoviglie a libera installazione.

Quando qualche amico mi chiede consigli e gli spiego che le lavastoviglie a libera installazione costa molto meno, salta fuori sempre questa domanda:

posso montare una lavastoviglie a libera installazione al posto di una ad incasso?

Io rispondo sempre che sarebbe preferibile di no, primo perché la cucina ne risentirebbe esteticamente e secondo, questo tipo non nasce per stare incassato e la durata dell’elettrodomestico potrebbe accorciarsi.

Comunque, una volta deciso che volete risparmiare, dovrete assicurarvi che abbia il top smontabile, altrimenti potrebbe non entrare sotto al ripiano della cucina e poi dovrete tagliare il battiscopa della cucina nel punto dove verrà installata, perché sporgerà leggermente.

Scegliere la lavastoviglie – Programmi di lavaggio.

Tutte le lavastoviglie hanno come minimo quattro programmi e più sale il costo, più sono i programmi a disposizione e le opzioni.

Di solito le lavastoviglie con più programmi sono anche più silenziose, fatto da tenere in considerazione se avete un soggiorno con angolo cottura. Visto che di solito si accendono alla sera e la sera si dorme, si legge, si guarda la TV e altro; avere una lavastoviglie rumorosa in questo caso non è il massimo, controllate i decibel nella scheda tecnica prima di acquistarla.

Questo è l’unico motivo valido per spendere qualche decina di euro in più, visto che la maggior parte delle persone utilizza uno o due programmi al massimo.

Se invece volete la possibilità di scegliere tra tanti programmi diversi, esistono modelli che hanno anche 10 – 12 tipi di programmi diversi, naturalmente il costo sarà più elevato.

Scegliere la lavastoviglie – Opzioni.

Alcuni modelli hanno la possibilità di inserire delle opzioni, che possono rendersi molto utili a volte, vediamo quali…

Opzione delay timer.

Ad esempio una tra le più gettonate è il ritardatore di partenza, se vogliamo che la lavastoviglie parta per conto suo alla sera, quando la corrente è meno cara, inserendo questa opzione la lavastoviglie partirà automaticamente all’ora stabilita.

Alcuni modelli danno la possibilità di scegliere la partenza ritardata da una a ventiquattro ore, altri danno una possibilità più ridotta tipo tre, sei o nove ore, a voi la scelta.

Opzione Tabs.

Per tabs si intende pastiglia e questa opzione va attivata se si usa quel tipo di detersivo, attenzione però, quando la attivate, la lavastoviglie perde la classe A o A+, perché serve proprio ad aumentare la temperatura e facilitare lo scioglimento della pastiglia di detersivo.

Opzione mezzo carico.

In questo caso si può decidere se lavare solo col cestello sopra o solo con quello sotto, utilissimo per single o coppie che fanno fatica a riempire la lavastoviglie e non vogliono sprecare acqua e corrente per effettuare un lavaggio a macchina mezza vuota.

Esistono modelli con altre opzioni ma direi che le più importanti sono quelle elencate sopra.

Scegliere la lavastoviglie – Capienza.

Le misure standard sono 60 o 45 centimetri di larghezza, in ordine da 12 e da 6 coperti, se avete la possibilità di scegliere e non siete costretti per motivi di spazio, consiglio quella da 12 coperti, quella più piccola si riempie troppo presto e potreste pentirvi.

Quasi tutti i modelli hanno la possibilità di regolare l’altezza del cestello superiore, in alcuni andrà sfilato completamente per poi reinserirlo e quindi va fatto col cestello vuoto, in altri è possibile sollevarlo anche quando è carico di stoviglie, tramite un semplice meccanismo, di solito sono due maniglie ai lati che si sollevano o si abbassano.

Il secondo tipo può rivelarsi utile se ci accorgiamo all’ultimo che un piatto molto grande va a sbattere contro la girante superiore e in questo caso non dovremo svuotare il cesto per alzarlo.

Esistono anche lavastoviglie che hanno una capienza di 14 coperti, le dimensioni rimangono identiche a quelle da 12 ma hanno dei cestelli particolarmente capienti.

Scegliere la lavastoviglie – Estetica.

Specialmente per le libera installazione l’estetica della lavastoviglie può dare qualcosa in più all’arredamento della casa, esistono modelli molto belli ma molto cari che, oltre a lavare le stoviglie, arredano casa.

Per vedere alcuni esempi vai su http://pinterest.com/riparodasolo/lavastoviglie/

Scegliere la lavastoviglie – Display digitale o pulsantiera?

Oramai in commercio esistono solo prodotti con scheda elettronica, la differenza sta nel fatto che alcune hanno la scheda collegata ad un’altra scheda detta display e le altre hanno una pulsantiera detta scheda led.

scegliere la lavastoviglie

 

Il display è un piccolo schermo dove andremo a selezionare i programmi e tutte le opzioni, mentre la pulsantiera avrà dei semplici led che si illuminano a seconda del programma che usi.

display-ls

 

Altre ancora hanno un selettore che comunica con la scheda e le riconosciamo perché montano una manopola sul cruscotto.

Diciamo subito che quelle col display costano di più e nel malaugurato caso dovesse rompersi la scheda display fuori garanzia, la spesa sarà molto salata.

Meno componenti ha l’elettrodomestico e meno probabilità ha di rompersi, questo discorso è valido per qualsiasi elettrodomestico.

Vero anche che le pulsantiere sono più delicate, ma costano meno, per intenderci la pulsantiera è quel pezzo dove andiamo ad accendere la lavastoviglie e dove scegliamo il programma.

Per quanto riguarda il selettore, ha il pregio di dare meno problemi di tutti gli altri sistemi e costa molto meno, quindi dobbiamo tener conto anche di questi piccoli dettagli quando andiamo a scegliere la lavastoviglie.