Categorie
Asciugatrice Codici di errore Ariston-Hotpoint-Indesit Codici errore asciugatrici Ariston Hotpoint

Codici Errore Asciugatrici Ariston Hotpoint.

Codici errore asciugatrici Aqualtis classe A (8Kg).

Asciugatrici elettroniche a condensazione.

Con sistema condensatore refrigerante.

Quando l’elettronica rileva un guasto, nel display LCD compaiono i codici di errore.

Modelli interessati:

AAQCF81U IT AAQCF81U WE AAQCF851U UK

Codice comm. 70078 71832 71846

Di seguito la lista dei codici errore asciugatrici.

F01

Errore: Il motore funziona costantemente

Verificare il collegamento del modulo J3 per rilevare segni di cortocircuito.
Sostituire il modulo.

F02

Errore: Nessun intervento sul motore del cestello

Verificare il fissaggio del collegamento del modulo J3. Controllare il motore per verificare la presenza di un circuito aperto.

F03

Errore: NTC anteriore aperto o in corto circuito

Verificare il fissaggio del collegamento del modulo J12. Controllare la resistenza di NTC

F04

Errore: Pompa assente

Verificare il fissaggio del connettore del modulo J5. Controllare funzionamento galleggiante e interruttore. Controllare la pompa e cablaggio per verificare la presenza di un circuito aperto

F05

Errore: Pompa in funzionamento continuo

Verificare il fissaggio del modulo di cablaggio J5. Guasto modulo – Sostituire il modulo.

F08

Errore: Difetto del compressore

Verificare il fissaggio del collegamento del modulo J11 e J4. Verificare cablaggio al compressore tramite il condensatore. Controllare il compressore per verificare la presenza di un circuito aperto. Guasto relè sul modulo – sostituire il modulo.

F09

Errore nel file di configurazione

Verificare il collegamento fra interfaccia e modulo di controllo J9 Controllare il file di programma e ricaricare come richiesto. Guasto EEPROM sul modulo – sostituire il modulo.

F11 identico a F04

F12

Errore: Nessun collegamento fra interfaccia e modulo di controllo

Verificare il collegamento fra interfaccia e modulo di controllo J9.
Verificare i cavi ai collegamenti d’interfaccia.
Sostituire il modulo, l’interfaccia o il cablaggio.

F13

Errore: NTC conduttura sistema

Verificare cablaggio all’NTC. Verificare il fissaggio del cablaggio al modulo di controllo J12. Controllare la resistenza di NTC. Sostituire NTC.

F14

Errore: Ventola in funzionamento continuo

Verificare NTC della conduttura di sistema come per F13. Se NTC è OK, sostituire il modulo di controllo.

F15

Errore: Ventola non in funzione

Controllare continuità della ventola. Verificare che la ventola ruoti liberamente. Verificare NTC della conduttura di sistema come per F13. Se NTC è OK, sostituire il modulo di controllo.

Categorie
Asciugatrice

Asciugatrice perde acqua

Asciugatrice perde acqua – Condensa.

Se tieni l’asciugatrice in un ambiente piccolo, dove circola poca aria, come di solito è il bagno o se addirittura la tieni incassata dentro ad un mobile, può capitare che l’asciugatrice faccia condensa e troverai delle tracce di acqua per terra.

Questo fenomeno non si verifica con tutti i modelli di asciugatrice ma solo su alcuni, dipende dalle caratteristiche.

Se la tieni in una stanza piccola con poca circolazione di aria ti consiglio di tenere aperta la porta della stanza o se la stagione lo permette, la finestra.

Se la tieni dentro ad un mobile, cerca di creare più spazio possibile attorno all’asciugatrice e se hai degli sportelli davanti, ti consiglio di tenerli aperti mentre l’asciugatrice è in funzione.

Asciugatrice perde acqua – Livellamento.

Un fattore importante per evitare piccole perdite di acqua è il livellamento dell’asciugatrice, se non è posizionata bene in piano, l’acqua prende una direzione sbagliata e invece di racimolarsi nella vaschetta apposita, scola in altre direzioni causando la perdita.

Di solito ci sono dei piedini regolabili che svitandoli si alzano e avvitandoli si abbassano, in assenza dei piedini regolabili puoi mettere uno o più spessori per livellare l’asciugatrice nel modo corretto.

Asciugatrice perde acqua – Pulizia.

La pulizia del filtro va fatta ogni volta che si effettua un’asciugatura, mentre il condensatore va pulito una volta ogni tanto, dipende da quanto spesso la usate.

Spesso ci si dimentica del condensatore e alla lunga dei “pelucchi” di polvere o di tessuto vanno ad ostruire il forellino che porta l’acqua nella vaschetta che la raccoglie.

 

In questo caso devi togliere il condensatore (alcuni modelli ce l’hanno fisso) e tastare con una mano finché non trovi un forellino, togli tutti i pelucchi che trovi e pulisci bene tutto.

Di solito si trova in fondo sul lato destro o sinistro, se da dentro non ci riesci puoi smontare l’alloggio della pompa e una volta che hai individuato da dove scola l’acqua potrai facilmente pulire l’ostruzione.

Ti accorgi che il foro è ostruito anche dal fatto che la vaschetta che raccoglie l’acqua a fine asciugatura rimane vuota o c’è poca acqua rispetto al solito.

Categorie
Asciugatrice

Asciugatrice non asciuga.

I motivi per cui l’asciugatrice non asciuga possono essere vari.

In questo articolo partirò con lo spiegare le cause più semplici e proseguirò elencando quelle un po’ più complicate e difficili da risolvere, senza esperienza.

Prima di procedere leggi “Lavora in sicurezza“.

Temperatura ambiente.

Devi tener presente che l’asciugatrice utilizza l’aria presente nell’ambiente in cui è.

Quindi se hai posizionato l’asciugatrice in un ambiente freddo come può essere un garage o qualsiasi posto al di fuori dell’abitazione, il rendimento dell’asciugatrice durante il periodo invernale ne risentirà.

Nei modelli con programmi automatici potrebbe capitare che l’asciugatrice stia accesa più tempo della durata prevista e che non riesca ad asciugare bene comunque.

Questo comporta un maggior consumo elettrico e una maggior usura dell’elettrodomestico, oltre ad un rendimento scarso se non nullo.

Consiglio di installare l’asciugatrice in un ambiente domestico o che abbia almeno una temperatura ambiente di 15-16 gradi.

Asciugatrice non asciuga bene – Errori.

L’errore più frequente sta nel caricarla troppo, attieniti ai carichi indicati nel libretto di istruzioni.

Ci sono delle tabelle che spiegano quanti kg mettere per ogni programma di asciugatura.

Se la tua lavatrice ha meno di 800 giri al minuto di centrifuga i panni saranno troppo inzuppati di acqua per essere asciugati correttamente.

A volte capita di impostare un programma di lavaggio delicato che ha la centrifuga più bassa e anche se credi di aver impostato una centrifuga potente il programma, in automatico, fa una centrifuga più leggera.

Controlla nel libretto istruzioni della lavatrice qual’è la centrifuga massima per ogni programma e regolati di conseguenza.

Sensore di umidità.

Alcune asciugatrici montano un sensore di umidità, se non fa bene contatto sul cestello interpreta valori sbagliati e la macchina interrompe l’asciugatura.

Può succedere anche che se all’interno dell’asciugatrice ci sono capi di pezzatura diversa, alcune cose restano bagnate e altre si asciugano correttamente.

Asciugatrice non asciuga – Termostati.

La maggioranza delle asciugatrici montano dei piccoli termostati, uno in particolare (termostato di sicurezza) può aprire il circuito e impedire che arrivi corrente alla resistenza.

In alcuni modelli quando interviene l’asciugatrice non si accende più.

Il termostato di sicurezza spesso interviene se dimentichi di pulire il filtro o il condensatore.

Se l’aria non circola correttamente la resistenza si surriscalda e interviene questo termostato.

In alcuni modelli è ripristinabile tramite un tastino posizionato sopra di esso, in altri ha un forellino al centro che va schiacciato tramite uno spillo e in altri ancora va sostituito.

Se sai usare un tester verifica se arriva corrente alla resistenza, se non arriva probabilmente il problema è quello.

Asciugatrice non asciuga – Resistenza.

La resistenza è l’elemento che riscalda l’aria, è posta sul retro dell’asciugatrice, vicino alla ventola, chiaramente se quella non va l’asciugatrice non asciuga.

Esistono anche asciugatrici che non hanno la resistenza ma utilizzano un altro sistema, un compressore come i frigoriferi, di solito sono in classe A o A+.

Se sai usare un tester, puoi misurare la continuità della resistenza e verificare se è interrotta.

Se non lo è, puoi proseguire controllando se gli arriva corrente.

Asciugatrice non asciuga – Timer o scheda elettronica.

Se i termostati sono buoni e la resistenza anche, il timer o la scheda elettronica potrebbero essere difettosi (dipende dal modello) e non mandare corrente alla resistenza.

In questo caso ti consiglio di rivolgerti ad un tecnico esperto a meno che tu non sia sicuro al 100% che il difetto derivi da questi componenti; costano molto e se ti sbagli avrai speso soldi inutilmente.

Asciugatrice non asciuga – Cinghia.

Chiaramente se il cestello non gira la biancheria non si muove e non si asciuga.

Può capitare che la cinghia si rompi e in quel caso il cestello rimane immobile anche se tutto il resto funziona.

Per verificare se la cinghia è rotta ti basterà impostare un programma, farlo partire e dopo pochi secondi aprire lo sportello, se trovi il cestello immobile prosegui smontando il top e guarda se la cinghia è intatta.

Sostituire la cinghia può essere molto complicato, consiglio di procedere solo se sei esperto, se invece la cinghia è intatta ma il cestello non gira lo stesso, il problema potrebbe derivare dal condensatore che non da lo spunto al motore per girare, dal motore stesso o dal timer (o scheda) che non alimenta il motore.

Categorie
Asciugatrice Difetti e componenti Lavasciuga Lavastoviglie Lavatrice

Filtro Anti Disturbo

Cos’è il filtro anti disturbo.

Il Filtro anti disturbo è un’apparecchiatura installata sugli elettrodomestici che ha il compito di filtrare i disturbi di frequenza generati dai componenti dell’elettrodomestico stesso.

Senza questo componente, lavatrice, lavastoviglie… ecc, potrebbero disturbare le frequenze TV e quelle radio.

Per legge è obbligatorio, anche se eliminandolo, l’elettrodomestico funzionerebbe ugualmente.

Con questo non voglio  assolutamente  consigliarvi di eliminarlo anche perché la legge Italiana come vedremo in seguito non lo permette.

Fa saltare la corrente.

In alcuni casi questo componente può essere la causa di una dispersione di corrente, quasi sempre è collegato al cavo elettrico subito a monte del circuito dell’elettrodomestico.

Se vuoi verificare se il responsabile è quello, misura la dispersione con un tester scollegando prima il filtro anti disturbo.

Se la dispersione rimane, non è colpa del filtro ma di qualche altro componente dell’elettrodomestico. Spesso dipende dalla resistenza ad esempio.

Se questo è il tuo caso ti consiglio di guardare il video dove mostro come misurare la resistenza della lavatrice, la procedura è valida per qualsiasi resistenza di qualsiasi elettrodomestico.

Per misurare la dispersione, punta il tester sulla scala massima degli Ohm e metti un puntale su una fase e l’altro sulla terra, se dà continuità significa che c’è dispersione.

Cosa dice la legge ITALIANA.

L’adozione e il mantenimento del filtro anti disturbo è obbligatoria, sono assolutamente vietate alcun tipo di manomissione od eliminazione, in caso contrario si incorre in sanzioni penali e/o pecuniarie definite ai sensi DECRETO LEGISLATIVO 476/92.

(Attuazione della direttiva 89/366/CEE del consiglio del 3 maggio 1989, in materia di ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica, modificata dalla direttiva 92/31/CEE del Consiglio del 28 aprile 1992).

Trovi riparodasolo anche…

Sul Canale YouTube dove trovi guide e video tutorial.

Inoltre potrai utilizzare i commenti per qualsiasi domanda pertinente ai video presenti.

Sulla Pagina Facebook dove potrai contattarmi per consigli o domande.

Ho anche un profilo Twitter se preferisci questo Social e una Pagina Pinterest.

Segui il Blog

Oltre alle varie guide per la risoluzione dei difetti troverai consigli utili sulla manutenzione e cura dei tuoi elettrodomestici. Grazie