SalvaSalva SalvaSalva SalvaSalva SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva SalvaSalva

Forno: la spia resta accesa

by riparodasolo 7.932 views20

spia resta accesa

Forno elettrico – La spia resta accesa.

La spia resta accesa anche se il forno è spento quando è presente una piccola dispersione di corrente, di solito succede nei forni nuovi o in quelli che vengono usati poco. Esistono due modi per eliminare questo piccolo difetto che comunque è ininfluente per quanto riguarda il funzionamento del forno.

Il modo più semplice ed immediato è quello di invertire le fasi, detto così sembra chissà che, ma in realtà vi basterà estrarre la spina che porta corrente al forno e reinserirla capovolta.

La maggior parte delle volte, con questo semplice gesto, la spia del termostato si spegnerà e non avrete più quella fastidiosa lucina sempre accesa.

spia resta accesa

 

La spia resta accesa anche invertendo le fasi.

Probabilmente una o più resistenze hanno una piccola dispersione di corrente che non si riesce ad eliminare invertendo le fasi, quindi dovremo procedere diversamente.

Quando una resistenza disperde corrente di solito scatta il salvavita (vedi il forno fa scattare il salvavita), quando però la dispersione è piccola, la corrente va ad accendere la spia del termostato.

Scaldando bene tutte le resistenze per almeno 30 – 45 minuti, con il termostato posizionato al massimo, riuscirete a risolvere questo piccolo problema.

Ricordate che alcuni forni hanno più resistenze che vanno in funzione a seconda del programma di cottura scelto e che dovrete fare la stessa procedura per ogni tipo di programma.

Per non sprecare corrente inutilmente vi consiglio di cucinare ed eventualmente far scaldare il forno a vuoto solo se non usate mai un determinato tipo di programma.

Se anche così la spia resta accesa probabilmente la dispersione non si è eliminata del tutto e non dovrai fare altro che usare il forno un po’ di più, oppure puoi sostituire la resistenza o le resistenze in dispersione. Prima di mettere mano leggi “Lavora in sicurezza“.

SalvaSalva SalvaSalva SalvaSalva SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva SalvaSalva
SalvaSalva SalvaSalva SalvaSalva SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva SalvaSalva